Psicologia, psicoterapia, crescita emotiva e relazionale.

La musicoterapia

<<La musicoterapia (...) mira a facilitare l’ integrazione spaziale, temporale e sociale dell’individuo, attraverso strategie di armonizzazione della struttura funzionale dell’handicap, per mezzo dell’impiego del parametro musicale; tale armonizzazione viene perseguita con un lavoro di sintonizzazioni affettive (...) e comunicazione non verbale.>> (Postacchini, Ricciotti, Borghesi, 1997, p.17)

Musicoterapia contro lo stress

La musicoterapia può offrire sostegno psicologico e fisiologico nell’affrontare le situazioni di stress.
In questi casi l’uso terapeutico della musica può articolarsi attraverso tre modalità, che trovano applicabilità nella dimensione del gruppo:
- una modalità ricettiva: ascolto guidato con successiva verbalizzazione, sia essa libera o strutturata;
- una improvvisativa: consegne che implicano una produzione sonoro-musicale di vario genere, libera o strutturata;
- una terza che esula dal paradigma delle due precedenti, chiamata songwriting: il gruppo o dei sottogruppi vengono guidati nella composizione di una canzone dal contenuto specifico (in modo più o meno strutturato secondo le esigenze, ma quanto più neutrale possibile).

Obiettivi: strategie e finalità

Una pratica di produzione, composizione ed ascolto musicale che sia progressiva per tale contesto, comprende attività che mirano a:
- facilitare la consapevolezza corporea e le proprie capacità di rilassamento fisico, ponendo l’attenzione sugli effetti della ricezione di musica e suoni;
- sollecitare la riflessione sul potere delle proprie abilità di coping, evidenziando l’auto-efficacia di ciascuno mediante i feedback del gruppo e l’esito delle consegne proposte;
- armonizzare alcuni elementi stressanti nel proprio quotidiano, individuandone e manipolandone l’elemento sonoro;
- migliorare l’attenzione mediante l’ascolto attivo ed interattivo, distraendosi in modo costruttivo dalla propria routine quotidiana;
- favorire l’espressione in un contesto interpersonale positivo ed accogliente, mediante l’uso di strategie che permettono di esporsi e coinvolgersi gradualmente, ciascuno secondo la propria volontà;
- stimolare la creatività sonoro-musicale per sperimentare distensione, gratificazione, vitalità;
- favorire l’integrazione di ognuno nel gruppo mediante attività sonoro-musicali, così che la partecipazione stessa possa offrire a ciascuno sostegno, accettazione, senso di appartenenza.

Musicoterapia di gruppo per la dolce attesa


Il percorso è rivolto alle donne in gravidanza a partire dal terzo mese, è articolato in 5 incontri da 90 minuti ciascuno a cui partecipano un minimo di tre ed un massimo di otto persone, numero limitato per favorire un clima di condivisione, in cui ciascuna partecipante possa essere adeguatamente seguita. Assieme alla futura mamma, può partecipare anche il futuro papà. Non serve avere alcuna preparazione musicale.
In un’ottica di prevenzione, benessere e facilitazione del bonding prenatale, lavoreremo per preparare la nascita della mamma ed un incontro con il piccolo ancor prima del suo arrivo: c’è un cordone ombelicale sonoro che li lega, e che nutre il loro legame futuro. Lo percorreremo, e durante il viaggio incontreremo i nostri alleati: la bocca e la voce, le canzoni della nostra identità, la consapevolezza corporea, l’empatia… tutto attraverso la musica da ascoltare, da suonare e… da scrivere. Faremo musica con e per il corpo, la mente e la capacità di concentrarsi, per accogliere il nostro bimbo ed il cambiamento, attraverso:
- Tecniche di musica con il corpo
- Uso funzionale della voce per il travaglio ed il parto
- Composizione della propria ninnananna
- Ascolti guidati

Musicoterapia di gruppo mamma-bebè

Il percorso è rivolto ai bimbi fino a 10 mesi accompagnati da un genitore. E’ articolato in 10 incontri da 50 minuti ciascuno, a cui partecipano un minimo di tre ed un massimo di sei coppie: il numero limitato di partecipanti è per favorire un clima disteso e di condivisione, in cui ciascun partecipante possa essere adeguatamente seguito. Possono partecipare anche entrambi i genitori.
Gli adulti arricchiranno o avvieranno il proprio repertorio di canzoncine ed idee per curare in casa l’ambiente sonoro, capendo come e perché sia così importante che il bimbo vi sia immerso. I piccoli vivranno momenti di esplorazione musicale e di giocosa interazione con i loro genitori: il tutto seguendo i tempi ed i modi di ciascun bimbo, perché l’importante non sarà la performance musicale, ma permettere a ciascuna coppia di godere del momento a pieno. Per questo adegueremo costantemente le attivitá alle abilità e competenze del momento. Faremo esperienza di gioco con i piccoli attraverso la musica ed i suoni, utilizzando:
- Strumenti musicali perfetti per essere suonati ed ascoltati con le orecchie, ma anche con il corpo, con le mani e... con la bocca
- Oggetti sonori da ricreare a casa
- Il corpo, i suoi movimenti, il contatto
- Oggetti inaspettati, per guardare e sentire la musica
- Morbide amache per danzare
- Canzoncine interattive a misura di bebè...ed adulto
- Musiche diverse, musiche dal tempo e dal mondo, anche suonate sul momento, per una coccola sensoriale in più.


Musicoterapia per la coppia mamma-bimbo e per la famiglia

Comunicazione e relazione fra mamma e neonato sono inizialmente la stessa cosa, e gran parte dello scambio risiede nel suono. La musicoterapia può offrire un valido supporto ad un lavoro di armonizzazione del sistema familiare, dando concrete occasioni di ascolto, accoglienza reciproca ed espressione, per migliorare l’empatia e favorire la percezione di un’identità familiare. La musicoterapia perinatale in particolare, lavora sul bonding, il legame profondo fra il bimbo ed i propri genitori: questo, oltre a dipendere da aspetti biologici, ha radici relazionali, come l’avviamento di un dialogo sonoro, forma di comunicazione basilare quanto delicata, suscettibile di eventi comuni come, ad esempio, la depressione post-parto. Lavorando con la voce, con oggetti sonori e musicali, ed attraverso strategie specifiche, è possibile dare ai neogenitori strumenti efficaci per sviluppare e mantenere l’interazione con il piccolo, sostenendo così il suo naturale sviluppo emotivo, cognitivo e relazionale.


bambini

Si riceve su appuntamento

Indirizzo Studio

Via Marconi, 39/B Ranica Bg

Indirizzo email

Telefono


Francesca Lesmo - miodottore.it
© 2018 Francesca Lesmo. Tutti i diritti riservati. Via G. Marconi 39/B, 24020 Ranica (Bg). P.IVA 03823870161

Mappa del sito - Privacy Policy